Giardini d'erica - Realizzazione giardini e cura del verde









LA QUINTA STAGIONE

La primavera è il periodo dell'anno più convulso nel quale non c'è possibilità di riflettere: bisogna fare!!!...e all'improvviso ti accorgi che è già estate, il caldo fa sembrare il lavoro più duro, le fatiche hanno il sopravvento, quindi meglio godere di ciò che hai fatto prima, soprattutto se il lavoro svolto precedentemente è stato proficuo!
Ma ecco le piogge di fine estate a ritemprare la nostra anima e soprattutto la forza delle piante che sono rimaste come in letargo, in attesa di condizioni migliori. La terra torna ad essere lavorabile, le fioriture tornano ad esplodere ed insieme colori e profumi. I profumi più banali, come l'odore della terra o dell'erba bagnata diventano particolarmente piacevoli, i toni caldi dei fogliami riscaldano i sensi ed anche i tramonti appaiono più rossi.
E' questa stagione dell'anno che amo, la quinta stagione, quando l'estate sta scemando e l'autunno è alle porte, il momento migliore per lavorare in giardino, per piantare nuove piante, alberi e arbusti che avranno il tempo di ambientarsi al nuovo sito prima del freddo invernale. Potranno esplorare con le proprie radici il terreno circostante, potranno gioire o rattristarsi della nuova collocazione ma comunque giungere alla primavera e, successivamente all'estate più autonome e indipendenti dall'acqua di irrigazione!





Godiamoci l'inverno, aspettando la primavera:







osservando i fiori...



                                                   ...i frutti



...i semi







...i visitatori










...ma soprattutto meditando!!